• amicizia
  • spirito di squadra
  • lealtà
  • impegno
  • etica sportiva

FINALE PER ELOISA PASSARO AI CAMPIONATI EUROPEI CADETTI

Gerusalemme 23/27 febbraio 2014

Buon sesto posto per Eloisa Passaro nella Sciabola ai Campionati Europei Cadetti.
Dopo un ottimo avvio, alla fine dei gironi eliminatori era al terzo posto nel ranking provvisorio, avendo vinto tutti gli assalti alle cinque stoccate. Girone il suo parecchio impegnativo, perché comprendeva atlete come la russa Alexandra Klimova, poi medaglia d’argento e la greca Theodora Goudoura poi bronzo, entrambi battute. La Gara è stata vinta dall’Ungherese Petra Zahonyi. Nei primi turni di eliminazione diretta, la nostra atleta non ha vissuto alcun problema, infatti Eloisa ha battuto prima l’inglese Maria Chart per 15 a 5 poi la svizzera Label Ariane per 15 a 7, incontro che le apriva le porte alla finale a otto. Nell’assalto decisivo, che le avrebbe dato accesso alle medaglie, una forte atleta russa, Sofia Pozdniakova, figlia d’arte, suo padre Stanislav Pozdniakov é stato uno dei più grandi sciabolatori del mondo e di tutti i tempi, le ha sbarrato la strada, l’incontro è finito 15 a 13. Un bel match, che era partito male per Eloisa, alla fine del primo tempo era in svantaggio con il punteggio di 8 a 3, poi nella pausa di un minuto si è ripresa, grazie anche ai consigli a bordo pedana del suo accompagnatore ufficiale della Federazione, nella sua nuova veste di Maestro, Gigi Tarantino, un altro grande della sciabola. L’incontro ha cambiato decisamente corso ed Eloisa è sempre rimasta incollata all’avversaria, alla fine però ha avuto la meglio la russa, che poi è salita sul podio con il bronzo. Un vero peccato, perché la gara, come dice anche la nostra bravissima sciabolatrice, poteva essere anche vinta. Comunque un sesto posto ad un campionato così importante è pur sempre un bel risultato, soprattutto di stimolo, in previsione dei prossimi Campionati Mondiali Cadetti e Giovani in programma ai primi di aprile in Bulgaria. Il soggiorno di Eloisa a Gerusalemme si è poi prolungato, in attesa della gara a squadre il giorno 25. Anche qui è mancato poco per la medaglia, la gara è stata vinta dalla forte compagine della Russia, che ha battuto in finale la Francia. L’Italia si è accontentata della quarta posizione, perdendo con l’Ungheria. Complimenti ad Eloisa e al suo Maestro Gastone Gal da tutto il Petrarca Scherma.